sabato 8 dicembre 2007

Spinning. In mare o in acqua dolce?

Da molti anni mi interesso ormai di pesca, come raccontavo in un post precedente, fin da piccolo mi sono fatto, per fortuna, influenzare da mio padre ed in effetti di spinning se ne è sempre sentito parlare. Lo spinning come dicevo ha preso sempre più piede, perché oltre ad essere una tecnica molto redditizia per molte specie, offre la possibilità di dedicarsi ad una pesca anche dell’”ultimo momento”. Con la frenesia che caratterizza le nostra vita sempre più, abbiamo bisogno anche di adottare delle tecniche che non ci portino via tempo. Con questo non voglio dire che le altre tecniche siano meno utilizzate, oppure che lo spinning si pratichi solo per questo, ma ad esempio per me e per alcuni amici una delle motivazioni principali per cui l'abbiamo adottata è proprio questo, fermo restando che sia una tecnica divertentissima. Ma veniamo al dunque, qualcuno si chiederà dove si possa praticare questa pesca, in mare o in acqua dolce? Beh negli ultimi anni, mi sono informato attraverso anche molti editoriali, in effetti la pesca a spinning è sempre più utilizzata in entrambi gli ambiti. Ma andiamo a vedere cosa possiamo insidiare e i periodio più adatti per pescare a spinning.

SPINNING IN ACQUA DOLCE.
Lo spinning in acqua dolce è sicuramente il primo ambito in cui lo spinning è stato adottato, ed infatti alcune prede a differenza che in mare, possono essere insidiate praticamente solo con questa tecnica.
Prede
Le prede da insidiare a spinning in acqua dolce possono essere, il BlackBass o PersicoTrota (Boccalone, Branzino), il Luccio, da qualche tempo il LuccioPerca (Sandra), la trota (salmonidi in genere), il cavedano, il PersicoReale, l’Aspio. Per darvi un’idea da qualche anno sento catturare a spinning anche il Siluro ed infatti da poco nei negozi di pesca trovate esche artificiali proprio per questo gigante con i baffi. Molte di queste prede ad esempio il BlackBass e il Luccio sono insidiabili prevalentemente attraverso questa pesca mentre per le altre esistono altre tecniche molto redditizie.
Periodi.
Per lo spinning in acqua dolce il periodo è pressoché tutto l’anno, dipende però dalle prede. Per il BlackBass il periodo migliore è la fine della primavera e estate, mentre per i grossi lucci si prediligono i primi freddi, per il LuccioPerca addirittura i freddi rigidi ad esempio in po. Se parliamo di Salmonidi invece, dipende molto dalle leggi vigenti nelle varie zone di pesca, ma essendo sempre in acque fredde si possono insidiare tutto l’anno. Anche l’Aspio , soprattutto di grossa taglia si prediligono i periodi di freddo rigido.

SPINNING IN MARE
Lo spinning in mare è una tecnica applicata ultimamente sempre a più prede, in effetti se pensate bene quasi tutto il pesce di mare è predatore soprattutto di grossa taglia, mentre ad esempio la carpa in acqua dolce è pressoché e perlopiù erbivora. Di conseguenza negli ultimi anni mlte ditte specializzate hanno sempre più investito in artificiali specifici per il mare.
Prede
Come dicevo prima quasi tutto il pesce di mare è predatore soprattutto quello di grossa taglia, le prede che si possono insidiare comunque a spinning (escludendo la traina che verrà analizzata separatamente) sono, la Regina Spigola, la Leccia, il pesce Serra, la Palamita, alcuni alletterati, la Lampuga, l’Agulia, il Barracuda.
Periodi
Beh visto che le prede sono molteplici e i mari in italia sono di vario tipo e varia profondità, lo spinning in mare si può effettuare praticamente tutto l’anno, dipende comunque dalle zone e dal tipo di fondale. Ad esempio le Spigole sono insidiabili a spinning più in tardo autunno e inverno, la palamita in autunno ma in alcune coste è presente tutto l’anno, il barracuda anche, quindi diciamo che lo spinning in mare si può effettuare tutto l’anno ad eccezione solo di alcune prede. Il periodo però più proficuo è il periodo autunnale prima dei freddi gelidi, in quanto il pesce foraggio si avvicina a riva trascinando il pesce di taglia.

Nei prossimi post cercherò di riportarvi qualche informazione interessante sulle attrezzature impiegate.

Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...