martedì 4 dicembre 2007

Lo spinning. Come ho iniziato.

La pesca è sempre stata un'attività da me ben voluta, fin da piccolo rompevo a mio padre, a cui piaceva effettuare la pesca alle orate nel porto di Savona, un pò alla volta però ho cominciato ad imparare e sono diventato un pescatore a tutti gli effetti. Ma come si sa da piccoli queste cose ci affascinano, con il tempo poi spesso si sviluppano altri interessi. In effetti per la pesca la pasienza non deve avere limiti e qui entrano in gioco altri fattori come la passione e la fede (non religiosa naturalmente), cioè nel credere in qualcosa che non sia solo legato alle catture, ma una sorta di connubio di situazioni che ci trasmettono serenità e felicità. E così prima trascinato dal padre e dallo zio, poi pescatore convinto. Ora come ora la pesca mi trasmette serenità anche solo nel "partecipare" con la natura.

Dopo questa premessa vi voglio raccontare brevemente come ho cominciato a pescare a Spinning e soprattutto perchè lo Spinning. Ora non essendo più bambino con il lavoro, il calcio etc. etc. si ha sempre meno tempo da dedicare alla pesca, quindi sono stato costretto ad adattarmi ad alcune tecniche che mi fornivano una sorta di immediatezza e dinamicità. Lo spinning è proprio questo, infatti non ha bisogno di pasturazione di stazionamenti notturni o serali, ma il pescatore se non prende il pesce può andarselo a cercare. Ed ecco che subentrano così alcuni fattori come l'intuito, la ricerca degli HotSpot, l'esperienza nel movimento dell'esca, l'uso degli artificiali in base alla situazione e al colore dell'acqua.
Fatte queste considerazioni, ho comprato una rivista molto molto interessante "Spinning Magazine", la quale mi ha dato un sacco di bei consigli su come praticare questa tecnica anche "for dummies" (per principianti). Il passo suessivo è stato l'acquisto dell'attrezzattura, e qui come sapete bene non è mai facile fare delle valutazioni, ma essendo un principiante e non avendo mai provato, ho trovato un buon compromesso qualità/prezzo . Ecco dunque una bella Shimano Catana 2,40 m e un bel mulinello ... indovinate un pò Shimano Catana.... costo?? € 70 di tutto. Per gli artificiali? beh molto semplice, alcune gomme, ami off-set, e un paio di minnow. Intanto ho continuato a leggere, leggere, leggere, su Internet, sulle riviste e indovinate un pò... rompere le scatole alle persone che trovavo a pescare. Bene! dopo qualche uscita in primavera, ancora con un pò freddino, e dopo un paio di capotti, i quali non mancano ancora adesso e soprattutto fanno sempre bene ne è uscito questo un bel bassetto............ e così cominciò l'avventura. Ah dimenticavo, per gli artificiali le prime volte allamare rami e cespugli vari niente di più semplice e quando le uscite cominciano a costarvi qualche decina di EURI vedrete che imparerete volentieri con gli AUTOCOSTRUITI (al prossimo post......)

Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...