mercoledì 5 dicembre 2007

Spinning. Cosa sono i "Minnow"?

Prendo spunto da un Vs. commento, il quale, giustamente, mi fa presente che nell'articolo precedente ci sono dei termini troppo tecnici, non di semplice comprensione. Cari lettori, io sono qui apposta, ricordatevelo e sei nei commenti inserite qualche domanda su termini specifici, sarò lieto di darvi una risposta.

La prima domanda è stata "cosa sono i Minnow?", in effetti fra i pescatori, ma nemmeno fra tutti potrebbe essere un termine molto conosciuto, mentre fra i "Dummies" potrebbe essere una domanda lecita, prendo al volo questa occasione per riportarvi una bella e completa definizione, compresa una descrizione delle categorie di questo artificiale da Spinning.

DESCRIZIONE: i minnow rappresentano delle imitazioni di piccoli pesci quali alborelle, vaironi, cavedani etc., i cosiddetti pesci "foraggio" prede abituali di lucci, black-bass etc.. Viene subito in mente il nome Rapala che e' stata la prima a produrli, attualmente altre ditte li fabbricano con ugual rendimento. Realizzati in balsa presentano sul muso una paletta piu' o meno pronunciata, che ne influenza il movimento sia di immersione che di "scodinzolamento" e due ancorine, una sulla "pancia" ed una in coda. La versione snodata ( due pezzi giuntati ) ne aumenta le vibrazioni emesse e quindi l'attrattiva. A grandi linee si possono suddividere in tre categorie :

  • galleggianti ( modello Original - floating affondano al massimo 1-1,5 mt.)

  • affondanti ( modello Countdown affonda sino a 2,3 mt.)

  • per "medie e grandi profondità" (modello Fat e Shad Rap, hanno una paletta piu' lunga grazie alla quale quando recuperati affondano sino a circa 4 mt.). Una variazione e' il modello suspending realizzato in plastica cava con all'interno delle sferette per aumentarne le vibrazioni. Tale modello ha il pregio di rimanere "sospeso" piu' a lungo alla profondità che si trova in quel momento del recupero.

Non hanno una protezione antiincaglio, questo e' il loro unico difetto che li rende inutilizzabili in mezzo a zone ricche di ostacoli tipo le ninfee ( si recuperano a lato ) . Si risolve il problema utilizzando imitezioni in gomma innescate con ami piombati antialga meglio ancora ami antialga non piombati usando del filo di piombo da aggiungere o meno a piacimento come zavorra. Tali esche viniliche non sono propriamente dei minnow, presentano una coda piatta perpendicolare al corpo ( che e' senza paletta) utile a produrre le necessarie vibrazioni e scodinzolamenti necessari a dare all'esca un potere catturante.

PESCI INTERESSATI E ZONE DI LANCIO: Tutti i predatori. In tutte le zone "calde" preferite dal pesce che intendiamo insidiare cercando di evitare di lanciarlo in mezzo o sopra gli ostacoli, visto che i "puri" minnow non sono antialga. Il discorso cambia nel caso di imitazioni in gomma, dato che l'esca e' antialga la si puo' lanciare tranquillamente in tutti gli ambienti sia privi che zeppi di ostacoli.

QUALE ACQUISTARE: la misura ( lunghezza ), indipententemente dal modello snodato o meno ( galleggiante, affondatnte etc. che influenza la profondita' in cui vogliamo pescare ), si sceglie in base al tipo di pesce da insidiare:

  • trota, cavedano, persico reale, scardola : dai 3 cm sino a 5 cm. max 7 cm. Nel caso si voglia insidiare la trota marmorata la misura puo' salire sino ai 9-11 cm.

  • black-bass : dai 5 cm. sino a 7cm. max 9 cm.

  • sandra, luccio : dai 9 cm. sino ai 13 cm.

  • siluro : dai 13 cm in su.

Le colorazioni sono molte, per iniziare consiglio quelle classiche ossia l'argentato ( stile alborella ) e/o dorato ( piccola tinca ) e/o persico reale. Discorso analogo nel caso di imitazioni in gomma. Se conoscete l'inglese nel sito della Rapala ( sezione servizi pagina dei link ) troverete qualunque spiegazione abbiate bisogno dalla scelta all'utitilizzo, particolare o meno .

Fonte www.spinningonline.it


Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...