martedì 24 maggio 2011

Ricette: Mazzancolle alla "Rigatina"

Ovviamente il nome me lo sono inventato io e di sicuro NON è elegante, ma se provate a farle vi assicuro che sono favolose, provare per credere. La ricetta è ORIGINALE infatti me la sono inventata io, oddio di sicuro non l'ho letta da qualche parte, poi se qualcun'altro ha avuto la stessa intuizione questo non lo so.
Comunque veniamo alla ricetta, prendete delle mazzancolle intere NON le code, qui apro subito una parentesi. Ricordate che le teste dei crostacei contengono sostanze che addensano il sugo e conferiscono un sapore molto particolare, in quanto scaldandosi rilasciano dei liquidi che ammorbidiscono il sugo stesso.
Quindi mazzancolle intere quanto basta, nel senso se le magiate come seconfo ce ne vogliono mezzo kg, se ne fate il sugo per la pasta basta qualcosa meno.
Prendete una padella grande o una teglia in modo che le mazzancolle stiano ben distese e non sovrapposte. Un pò di olio extravergine di oliva, un peperoncino (per 2 persone altrimenti di più), uno spicchio d'aglio tagliato a fettine. Il peperoncino vi consiglio di sbriciolarlo e farne uscire dunque i semi. Fate saltare aglio e pepeoncino fino ad imbiondirlo senza scurislo troppo, in modo che l'olio prenda il sapore di entrambi. Versate le mazzancolle intere e fatele rosolare, in modo che rilascino i primi liquidi che si amalgameranno con l'olio. Se l'olio è troppo caldo e vedete le mazzancolle che cominciano a scurirsi, versate pochissima acqua per abbasarne la temperatura. Quando vedete che si è creato un pò di sughetto dato dal rilascio dei liquidi dei crostacei, versate mezzo bichiere di brandy anche abbondante e alzate il fuoco per farlo sfumare, dopodichè flambate le mazzancolle facendo infiammare il brandy. Appena tutto l'alcool è evaporato aggiungete abbondante paprika dolce in modo che tutto diventi bello rosso, girate le mazzancolle e continuate con la paprika dolce. Ora aggiungete un pò di sale e pepe quanto basta, poi copritele tenendo sempre allungato il sugo con un pò d'acqua. Dopo circa 15 minuti, le mazzancolle sono pronte. Qui bisogna decidere che fare e scattano le varianti:
1. Prendete il tutto e servite così per intero come antipasto o secondo
2. Togliete le teste, SCHIACCIANDOLE BENE PRIMA DI BUTTARLE, per farne fuoriuscire tutto il sugo che hano all'interno (MOLTO MOLTO IMPORTANTE) e servite solo le code.
3. usatele come sugo di condimento  per la pasta, quindi consiglio il punto 2, lasciando una mazzancolla intera per piatto per la decorazione, ma la chicca è che dovete aggiungere una noce di margarina (NON BURRO che copre i sapori) intrisa di farina, la fate sciogliere e mescolate velocemente perchè non si creino i nodini classici. Con questa modifica il sugo sarà molto più denso e si attaccherà meglio alla pasta senza scivolarne addosso.
4. fate il punto 3 e sgusciate le mazzancolle e tagliatele a pezzettini come per avere in ragù.
Molto comode anche le confezioni surgelate di mazzancolle tropicali NON PRECOTTE.
Provate e poi fatemi sapere. Buon Appetito

Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...