giovedì 19 maggio 2011

Tecnica: Avvicinarsi alla pesca del Tonno Rosso PARTE 2

ANDAR PER MARE

Prima di andare avanti volevo soffermarmi sulla questione "Andar per Mare", io fin da piccolo sono stato portato da mio Padre e un amico a pescare in mare o in spiaggia a prendere il sole in barca, da quando ho 10 anni ho cominciato a tenere la “manetta” di un 25cv Mercury Super America, per poi passare ad un Evinrude 25cv, successivamente un 737GT 40cv e infine, o meglio, sabato prenderò in mano un bel Mercury Orion 40cv 4T come ultimo acquisto.
A parte questo volevo sottolineare che per andar per mare occorre esperienza e soprattutto bisogna rendersi subito conto che le insidie sono moltissime, infatti possono dipendere, da noi persone che portiamo la barca, dal territorio in cui ci troviamo (fondali, secche, batimetriche varie, anfratti etc etc), dalla strumentazione che abbiamo a bordo (barca, motore, eco, gps, radar) tutte queste strumentazioni possono malfunzionare o andare in avaria. Inoltre c'è la variabile “altre barche”, ricordiamoci però che per mare ci sono sì regole di comportamento e navigazione, ma non ci sono linee, strade o altro. Infine ma non ultimo per importanza il meteo, che spesso non avvisa prima di combinare qualcosa. Ricordiamoci anche che in mare non è possibile accostare e scendere come dalla macchina, si è là fuori magari a molte miglia, magari con problemi che non sappiamo risolvere e inoltre non è così semplice chiedere soccorso, non basta alzare la mano e fermare una macchina, è probabile che la barca più vicina sia a miglia di distanza. C'è da dire che quando alcune di questi fattori si inseriscono nella nostra giornata e non si ha la freddezza e l'esperienza di gestirle si può anche rischiare la vita, o peggio mettere a repentaglio quella dei nostri passeggeri che hanno magari anche meno esperienza e conoscenza di noi.
Quindi prima di avvicinarsi ad una pesca impegnativa come quella al Tonno Rosso, sono convinto assolutamente, che si debba avere molta esperienza nell’aver vissuto il mare e la strumentazione di bordo. Ricordo che spesso per pescare da NOI (Alto Adriatico) il Tonno Rosso bisogna allontanarsi dalla costa di molte miglia. Ecco perchè anche in questo mi sento di muovermi per gradi, infatti negli ultimi 6 anni mi sono fermato alla pesca entro le 3 miglia, con la necessaria strumentazione di bordo, sempre con la terra a vista. Ora l'anno scorso mi sono spostato sulle 6 miglia e vi dico che le cose stanno in maniera molto diversa. 
Intanto per prima cosa bisogna adeguarsi alle normative per la navigazione entro le 6 miglia. Poi mentre entro le 3 spesso il cellulare è usabile, sulle 6 assolutamente NON funziona, quindi o si ha un impianto CB con antenne importanti o meglio ancora un impianto VHF per eventuali comunicazioni di soccorso. Ricordo che l'uso del VHF a bordo sia fisso che portatile è subordinato ad alcuni permessi rilasciati dal Ministero delle Comunicazioni. Inoltre per spostarsi sulle 6 miglia il tempo di navigazione è più elevato e dunque anche il ritorno a terra, quindi in caso di maltempo queste cose sono da tenere sempre BEN presenti.
Sulle 6 miglia insomma siete VOI, il CIELO, il MARE e la vostra STRUMENTAZIONE, tenetelo SEMPRE bene in mente.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ma perchè i tonni si pescano a 3 miglia dalla costa in Adriatico?