mercoledì 26 agosto 2009

Pesca d'altura alle Seychelles: Parte 1

Salve a tutti, so che vi ho trascurato, ma adesso mi metterò d'impegno e cercherò di postare molto più spesso.

Intanto inziamo da qualcosa che mi rimarrà nel cuore non solo come passo della mia vita, ma anche come esperienza della mia passione preferita "LA PESCA".

intanto vi comunico che mi sono sposato l'11 Luglio 2009 con Lorenza, grandissima appassionata di pesca........... non è esattamente così ma diciamo che mi segue in estate quando vado a pescare fuori in mare....

dicevo che mi sono sposato e sucessivamente naturalmente sono andato in Viaggio di Nozze, che per definizione è già "fico" di suo, poi andare alle Seychelles ve lo raccomando.
Visto che il mio post è in un Blog che si chiama "la mia pesca" vado subito al dunque...... mi ero promesso che quando sarei andato in viaggio di nozze, avrei provato l'emozione della pesca d'altura a qualsiasi costo (nel vero senso della parola), e dopo una settimana ho cominciato ad informarmi ed ho conosciuto Marco e Samuela coppia anche loro in viaggio di nozze, ai quali l'idea solleticava.

Francis il nostro animatore nell'albergo in cui eravamo, ci ha detto che un suo amico ci avrebbe portato con una barchetta non indifferente a pesca per € 300 a barca.
Non ci ho più visto quando mi ha detto cosa si prendeva, ho fatto chiamare Edwin (il capitano) e abbiamo prenotato per il mercoledì mattina partenza alle 7 rientro alle 12.

Naturalmente là si effettua solamente la traina o il bollentino sotto costa, questo perchè non è possibile ancorarsi non tanto per i fondali che fino alle 5 miglia non superano i 60mt ma per le onde che c'erano.

Arriva il martedì sera, io non sto più nella pelle, quasi non dormo, mi sveglio durante la notte con il sogno di prendere un marlin, cavolo mi alzo all'alba vorrei partire alle 4 non alle 7......... ma aspettiamo...

Io e la mia ormai signora andiamo al molo dell'albergo, si aggiungono a noi Remo e Beatrice altra coppia in viaggio di nozze, quindi 3 coppie, speriamo bene che nessuno si senta male in barca delle donne altrimento le metto ammollo.
Arriva Edwin con una fisherman semicabinato 7 mt con due yamaha da 200cv e con un pozzetto fantastico con sedia da combattimento incorporata.
Intanto io vecchio lupo di mare abituato alla mia piccola "pozza" del mare adriatico settentrionale guardo in alto e sento un pò di vento sospetto, guardo le palme e sussurro a Lorenza "mah chissà se tiene".

Samuela e Marco sono già in barca, saliamo tutti ci presentiamo al capitano e al mozzo, e vediamo che le attrezzature anche se non di ultima fattura sono di tutto rispetto, io inoltre non ho mai visto dei mulinelli così giganti per il marlin.
Bene si parte verso il largo dell'oceano Indiano, appena fuori dall'ansa dell'albergo il vento aumenta, e appena fuori dall'ansa delle isole io vedo già l'oceano aperto con qualche ondina preoccupante, ma l'emozione è talmente forte che mi dico "ma chi se ne frega non rientro nemmeno se vomito l'anima".

Diciamo che il cielo era distante dall'essere azzurro, anzi tendeva prima al grigio teune, fino ad arrivare in mare aperto a essere sul nerotto abbondante, prima di arrivare sul posto di pesca chiedo a Edwin "but is it normal?", le onde erano 2 metri e cominciava a piovere a dirotto.

Io guardo gli altri che sono emozionati ma non essendo mai andati per mare secondo me erano ignari di tutto. Mi metto l'anima in pace e si arriva sul posto di pesca. Armiamo le canne e sganciamo gli artificiali in caccia.

Allora le canne erano 4, una da circa 30-40 lb centrale con un octopus da 15 cm circa a una distanza di 30 mt dalla barca in superficie, una seconda appena più piccola con un articiale da 25 cm per il pesce vela senza amo, e gli altri due con artificiali sui 15 cm poste più larghe e più lontane dalla barca, di sicuro la distanza dell'articiale non superava i 50 mt dalla barca.

Insomma siamo in pesca ci posizioniamo sui 7-8 nodi e si aspetta ........... intanto mi guardo in giro e non vedo più le isole che sono ricoperte di nuvole e acqua a volontà, mentre Beatrice assume un colore verdastro...... e lì mi dico "eh no!!!!!".....

to be continued.........

Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...