lunedì 28 novembre 2011

CATTURE: Ottobre 2011 Tonno Release

Ripeto che questo è il mio primo anno che dedico alla pesca al tonno rosso in Alto Adriatico e devo dire che non mi posso lamentare. Vi ricordo tra l'altro che non avendo una gran barca ma solo una Medimar520 Fisherman e non avendo un motore grosso Mercury Orion 40/60 cv, sono un pò limitato, ma le mie soddisfazioni me le sono tolte lo stesso, a dimostrazione che la pesca al Tonno Rosso di questi anni è sicuramente alla portata di tutti. Vi ricordo inoltre, e non dimenticatelo MAI, che questa pesca è normata e che il Tonno Rosso è una specie protetta, quindi occhio alla normativa ai permessi e alle regole ferree che la regolano.
Allora mattinata di fine ottobre, parto alla mattina alle
5:30 e vado a prendere mio padre, carico anche mio suocero e partiamo con destinazione Pila nel bel mezzo del delta del Po, patria della pesca a Drifting al Tonno Rosso. Subito la giornata non promette bene la nebbia è fitta, ma si sa da noi non è una novità si spera solo che sia temporanea. Una cosa però è positiva, quando c'è nebbia il mare è piatto di solito quindi buono per la pesca. Arriviamo sul posto e la nebbia peggiora, mi dico "ecco rovinata la giornata", prendo 3 casse solo di sarde sapendo che probabilmente non andrò al largo a provare ad incontrare questi fantastici animali. Partiamo in mezzo alla nebbia e contro la volontà di mio Padre mi avvicino all'uscita a mare di Barba Marco e a passo d'uomo esco verso le coltivazioni di cozze a 2 nm. Dopo 15 min circa arriviamo e ci ancoriamo, cavolo non si vede nulla ma una volta ancorati ci sentiamo al sicuro perchè vicino mi appare il barcone che porta la gente a pesca. Mi sono detto, bene ci mettiamo qui e intanto prendiamo qualche sugarello o orata e poi usciamo più al largo. Dopo un paio di sugarelli e 2 ore passate senza gloria, la nebbia sale e il sole si fa finalmente vedere. Il cielo è ottimo e il mare pure. Faccio salpare l'ancora e punto le mie coordinate concordate con l'amico Federico sempre ottimamante informato sualla presenza di sua maestà il Tonno. Dovevo uscire circa a 6nm dalla costa ma per raggiungere il luogo predestinato un miglio più verso terra vedo 3 gabbiani che si gettano in acqua, mi avvicino e ancora si gettano, intanto la nebbia continua a salire e si fanno già le 12:00 un pò tardino, ma sono le ore più calde. Seguo i gabbiani e ad un certo punto uno schienone a gran velocità esce dall'acqua e schiuma, mio padre esclama "ecco un altro Delfino, ma quanti sono quest'anno". Io da buon osservatore avendo solo visto la schiuma e anche con una strisicta a gran velocità dico "eh no quello non è un delfino è un Tonno", lui mi risponde "impossibile così vicino alla barca", bene ho detto "tu non ti preoccupare comincia a tagliare le sarde". In un batter d'occhio sono ancorato a cominciare a filare le mie fantastiche NUOVE canne, che vi desriverò in un altro bell'articolo. Dopo 10 min che ho spento il motore uno spettacolo mai visto, tonni ovunque che saltavano anche completamente con tutto il corpo fuori dall'acqua a decine. Io non avevo mai visto così tanti tonni in vita mia. Comunque tutto tace anche l'eco non vuole dare segni di vita. Di sgombri e sugarelli per provare con il vivo nemmeno l'ombra. Allora qualcosa bisogna cambiare!!!. Comincio la pasturazione "alternativa" e qualche secchiata di acqua per richiamare l'attenzione dei "signori" ed ecco dopo poco il primo passaggio sotto la barca segnato in maniera inconfondibile dell'eco. Intanto i salti acrobatici continuano, un bel banco di sarda passa sotto la barca e allora mi dico che è solo questione di tempo, intanto un'ora e mezza è passata e il pericolo nebbia si avvicina. Continua la pasturazione e rifilo le canne, dopo mezz'ora ancora nulla e nessun passaggio, scarseggiano anche le acrobazie fuor d'acqua. Mi dico che non posso capottare in una giornata come questa..... Intanto controllo mio padre che continua la pasturazione e gli dico di non fermarsi per nessun motivo. Lui mi prende in giro sempre quando gli dico queste cose, ma Lui non sa cosa stava accadendo e nemmeno lo avevano mai provato nessuno dei due miei compagni di quel gg. Intanto do indicazione su cosa fare in caso di allamata e loro continuano prendermi in giro perchè sono pignolo. Continuo con le secchiate e mi viene in mente un bell'innnesco a 2 sarde che mi ha insegnato l'amico Fede. Tiro su tutto e cambio gli inneschi, rifilo bene e tolgo un pò di piombo. Dopo 10 min................ Bummmmmmmmmmmmmmmmm zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz bottiglia saltata e partenza, riavvolgo le canne, intanto mio padre al timone e mio suocero a sganciare l'ancora. Mio padre con un pò di difficoltà (non è molto esperto di guida) mette in moto e gira la barca, intanto il Tonno punta la barca e io urlo "Avanti tuttaaaaaaa" il filo è ormai sotto il motore, metto l'Harness finalmente mio padre prende mano e ci mettiamo in assetto di combattimento, ma il sig tonno punto dritto alla boa dell'ancora, lo faccio aggirare con la barca, ma incazzatissimo riparte e mi porta fuori 100 mt di filo. Corriamo con la barca e io intanto recupero , dopo un pò comincia il combattimento negli ultimi 50 mt e lì si che la faccenda si fa bella. Dopo un pò di sudore riesco a portarlo sotto la barca, un bellissimo esemplare da una 50ina di kg circa. Mio suocero prende il terminale, io prendo la pinza tolgo l'amo e lo rilascio, intanto sotto la barca altri 2 tonni marcati dall'eco. Il giovinotto prende il largo e lo salutiamo "alla prossima". Alla fine in mezz'ora ci ha portati a 1,5 miglia dalla boa dell'ancora sono le 15:00 passate andiamo in boa, abbiamo avanzato una cassa e mezza di sarde, m ala nebbia incombe, per oggi può bastare, pulizia della barca e rientro. Al rientro incappiamo in altri salti anche più sotto costa, molti e molti Tonni ovunque, un banco di nebbia ci spaventa e ci attraversa, ma ancora con poco sole e molto fiacco vediamo la bocca di Barba Marco. La giornata è stata fantastica ed è finita, alla prossima sperando che non sia l'ultima della stagione.

Nessun commento:

CATTURE: Leccie alle foci del Po

Da anni mi raccontano di numerose catture di leccie amia alle foci del Po, o meglio davanti a tutti i suoi rami. Quest'anno però ho tenu...